Dopo i recenti eventi, e preso atto di una serie di affermazioni che aprono nuove chiavi di lettura su  tutti gli aspetti della vicenda di cui ci stiamo occupando da mesi, poniamo dieci domande al Sindaco sperando di ottenere altrettante risposte egualmente incisive :

1. Era consapevole quando il 9 maggio 2017 nella seduta della Giunta ha fatto la seguente affermazione "Relativamente al mancato coinvolgimento delle consulte afferma che l’eventuale coinvolgimento avrebbe avuto carattere meramente informativo in quanto non avrebbero avuto la competenza di esprimere nessun parere. Se fossero state coinvolte poteva sembrare “una presa in giro” in quanto non avrebbero potuto incidere in nessun modo."  che non coinvolgendo le Consulte di Frazione avrebbe impedito ogni possibile ricorso teso ad impugnare le decisioni della Giunta o del SUAP, a cominciare proprio da quella che stavate prendendo, agevolando ancor più l'iter amministrativo della Società Proponente ?

2. In una recente intervista al Corriere di Bologna ha affermato  che "...l'Amministrazione ha saputo del progetto quando i termini erano scaduti." . In che modo questo è potuto accadere?

3. Nella medesima intervista ha affermato, riferendosi al crinale su cui è collocato l'impianto, che “..non avete alcun appiglio a cui aggrapparvi..“ può spiegarci come mai nel comune di Vergato, di fronte al medesimo progetto della medesima Società, si è scelto di convocare una Conferenza di Servizi ed in breve tempo hanno rigettato il progetto ?

4. Sempre riferendoci alla medesima intervista ha affermato che "la pala per la sua vicinanza alle strade costituisce un pericolo" . Il 28 ottobre 2017 il Comitato, a seguito di un incontro richiesto da Lei e dai componenti della Commissione Ambiente e Territorio, le ha inviato la Lettera sulla sicurezza in cui si proponevano una serie di interventi volti a garantire proprio la sicurezza di coloro che si trovassero a transitare sul quelle strade oltre a tutelare il bilancio del Comune di Monzuno. E’ stato posto in essere qualcosa di quanto espresso in quel documento ?

5. In merito alla richiesta di sospensiva presentata  al TAR sul ricorso presentato dal nostro Comitato ha affermato che "Il comune non si è costituito parte civile per non appesantire il compito dei giudice." Perché ha ritenuto non fosse tra i suoi compiti istituzionali spiegare la posizione dell’Amministrazione su una vertenza promossa dai Cittadini ?

6. Apprendiamo da recenti documenti depositati dalla Società Proponente che in data 18 aprile 2017 la medesima ha confermato al Comune di Monzuno la sua disponibilità ad edificare una pala eolica le cui dimensioni erano al minimo del ventaglio di proposte che il Comune stesso aveva accettato e cioè di circa 65 m. Durante i nostri accessi agli atti non ci è stata mai consegnato un documento che riportasse questa indicazione. Si è trattato di un accordo verbale?

7. Recentemente ha in più occasioni sostenuto che il Cantiere potrebbe entrare in funzione a breve, mentre la Società Proponente sostiene che le richieste fatte dal Comune e dal SUAP di fatto bloccano il cantiere e per questa ragione ha a sua volta presentato un proprio ricorso al TAR contro il Comune ed il SUAP. Non ritiene che se si fosse costituito in giudizio avrebbe potuto aiutare il Comitato, ma anche tutelare la sicurezza della Cittadinanza, dichiarando quanto sopra anche al Giudice ?

8. E' vero che la Società Proponente sta producendo le integrazioni richieste dal Comune e dal SUAP per poter riaprire il Cantiere di Acqua Fresca?

9. Ritiene che il risarcimento degli eventuali danni alla Società Proponente per il blocco del cantiere di agosto da parte dell'Amministrazione Comunale e del SUAP, qualora sia dovuto, sarà pagato dal Comune o dal Comitato ?

10. La Società Proponente ha dichiarato che "al fine di venire incontro alle esigenze palesate informalmente e verbalmente dall’Amministrazione ( in particolare dagli uffici comunali ) a seguito di alcune richieste che sarebbero alla stessa pervenute da privati cittadini si determinava a procedere con l’installazione di una pala di minor impatto dimensionale" . E’ pertanto evidente che prima del 18 aprile 2017 dei Privati Cittadini erano a conoscenza del progetto e dei suoi dettagli. Ci può dire di chi si trattava e perché sono stati consultati solo loro ?

Chiediamo a tutti coloro che, come noi, sono curiosi, di lasciare un loro commento qui sotto o sulla nostra pagina Facebook per continuare a fare sentire la nostra voce : non si poteva o non si voleva fare niente ?

 

Commenti   

#2 Guest 2018-02-05 14:47
ritengo assolutamente corretto aver posto queste domande e ritengo altrwettanto corretta e doverosa una rapida e puntuale risposta da parte dell'Amministrazione. Andrea Sartoni Galloni
Citazione | Segnala all'amministratore
#1 Daniele Vittorelli 2018-02-03 20:17
Attendiamo fiduciosi le risposte del nostro Sindaco..
Citazione | Segnala all'amministratore

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna